Ospitalità in Terra d’Arneo: al via le nuove residenze agrituristiche

Sono tre le strutture agrituristiche in fase di avvio nella stagione estiva che arricchiranno la residenzialità rurale di una terra da sempre ospitale. Un’importante occasione di crescita e sviluppo per la Terra d’Arneo che vedrà aumentare la sua competitività nello scenario dell’offerta turistica, soprattutto per i tratti che più di tutti la identificano e la rendono unica: la valorizzazione dell’ambiente rurale, l’ospitalità in campagna e l’enogastronomia tipica. Prendono così forma i primi risultati degli interventi finanziati dal GAL Terra d’Arneo attraverso la Misura 311 destinata alla diversificazione delle attività agricole, che per il nostro comprensorio ha significato un forte recupero e riqualificazione dello straordinario patrimonio rurale che caratterizza questo lembo di terra.
Attraverso lo strumento dei bandi pubblici, collegati al Piano di Sviluppo Locale “Impresa e innovazione in Terra d’Arneo”, sono stati messi a disposizione delle aziende agricole risorse per un ammontare di circa 7,4 milioni di euro che ad oggi hanno prodotto la realizzazione di trenta strutture agrituristiche le quali garantiranno 386 posti letto e 623 posti tavola. I dati sono incoraggianti per l’economia dell’Arneo, soprattutto in virtù dei nuovi trend della domanda turistica, sempre più orientata al turismo extra alberghiero di qualità e al tematismo rurale. Il primo agriturismo ad inaugurare è “Adagio Salentino” situato tra Leverano e Porto Cesareo, in località Pittuini, ma si attendano nuove aperture prima della fine dell’estate ed in autunno.
Sono risultati straordinari per il nostro territorio – afferma il Presidente del GAL Cosimo Duranteche garantiranno, oltre alla crescita quantitativa dell’offerta di ricettività, anche un rilancio dell’economia locale. Esprimo perciò grande soddisfazione a nome del Consiglio d’Amministrazione e di tutta la struttura del GAL che ha lavorato con impegno ed efficacia per promuovere la conoscenza dei bandi e per accompagnare e sostenere l’imprenditoria locale nei percorsi di realizzazione degli investimenti”.
Condividi su:
0 Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *