Progetto Russia: delegazione di una scuola moscovita in Terra d’Arneo

Farà tappa anche in Terra d’Arneo la delegazione di docenti russi della Scuola Convitto 42 di Mosca partner dell’Istituto Comprensivo ad indirizzo musicale 1° Polo di Leverano all’interno di un programma di scambio culturale. Il progetto, di durata biennale, nasce dalla volontà di conoscere nuove culture e nuovi popoli mirando all’obiettivo di migliorare il sistema scolastico locale e promuovere, al tempo stesso, la conoscenza del territorio.
Giunta sabato 18 gennaio, la delegazione moscovita resterà nel Salento fino al prossimo 25 gennaio partecipando ad una serie di visite ed iniziative culturali. Al fine di promuovere la conoscenza del territorio, del suo tessuto economico e sociale e delle sue migliori eccellenze, il GAL Terra d’Arneo ha organizzato un tour all’interno di alcune aziende dell’Arneo, previsto per domani mercoledì 22 gennaio.
I docenti, accompagnati dal Presidente del GAL, dott. Cosimo Durante, assieme ai componenti del Consiglio di Amministrazione del GAL e ai Sindaci dei Comuni interessati dal tour, avranno la possibilità di conoscere alcune delle più significative realtà locali. La visita guidata partirà dalla Masseria Didattica di Casa Porcara a Veglie, uno splendido esempio di laboratorio all’aperto dove è stato costituito un Centro Studi di “Architettura e Paesaggio Rurale”, punto di riferimento per studiosi e alunni di ogni fascia scolastica. Successivamente, spostandosi a Salice Salentino, si sosterà presso il Museo del Vino Merum di Castello Monaci. Il percorso museale, sviluppato all’interno di uno stabilimento vinicolo risalente agli anni ’30 del Novecento, propone una serie di reperti legati alla vita agricola nel Salento ed in particolare alla produzione del vino. Il tour si conclude a Guagnano presso le Cantine Emera di Magistravini. Qui gli ospiti visiteranno una ricca collezione privata comprendente vasi e utensili della Magna Grecia e avranno l’occasione di degustare vini e cibi tipici del nostro territorio.
La visita della scuola moscovita costituisce solo la prima fase dello scambio culturale che coinvolge i due istituti. Il progetto proseguirà anche ad aprile con la trasferta dei docenti salentini in Russia e con la mobilità degli studenti che prenderà avvio nel 2015.
Condividi su:
0 Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *