et|icon_info|

Gruppo d’Azione Locale Terra d’Arneo

Galatone

Dove si trova

fas|fa-globe-africa|

Regione

Puglia
fas|fa-map-marker-alt|

Provincia

Lecce
fas|fa-map-marked|

Zona

Italia Meridionale
fas|fa-users|

Popolazione

15.550 abitanti
fas|fa-chart-pie|

Densità

fas|fa-crop-alt|

Superficie

46,54 Kmq

Codici

et|icon_pushpin|

CAP

73044
fas|fa-phone-square|

Prefisso telefonico

0833
et|icon_datareport_alt|

Codice ISTAT

075030
et|icon_building_alt|

Codice catastale

D863

Informazioni

et|icon_group|

Denominazione abitanti

galatonesi o galatei
et|icon_circle-empty|[

Santo Patrono

San Sebastiano
fas|fa-church|

Festa patronale

20 gennaio
fas|fa-drum|

Sagre ed eventi

Sagra del Carnevale, Sagre prodotti tipici, Estate Galatea, Manifestazioni teatrali
fas|fa-archway|

Musei

Museo della radio, Museo di Leonardo Da Vinci
fas|fa-seedling|

Tipicità

Zafferano, Olio extravergine d’oliva, Vino, Albicocca di Galatone

Galàtone (dal greco “γάλα” cioè “latte”[3]; Γαλάτουνα, traslitterato Galàtuna in greco otrantino) è un comune italiano di 15.528 abitanti[1] della provincia di Lecce in Puglia.

Il comune è stato fregiato del titolo di città nel 2005[4], e il suo territorio si affaccia sul Mar Jonio con le località La Reggia e Montagna Spaccata, di particolare interesse naturale e paesaggistico.

Per le sue bellezze architettoniche, tra cui risaltano particolarmente quelle medioevali e del barocco leccese, la città è stata inserita nell’associazione Borghi Autentici d’Italia.

Le origini della città risalgono probabilmente al periodo greco-bizantino quando, per la sua posizione strategica, assunse il ruolo di Kàstron (“castello” in greco bizantino) e nel periodo normanno-svevo si sviluppò in modo organico con l’amministrazione di un feudo che comprendeva i casali di Corillo, Feudonegro, Morice, Renda, San Cosma, Tabelle, Tabelluccio e Fulcignano.

Patria del più illustre umanista dell’Italia meridionale, Antonio De Ferrariis (conosciuto con il nome di Galateo), Galatone si offre oggi ai turisti con un itinerario imperniato sulle chiese tardo-rinascimentali e barocche (soprattutto del Santuario del S.S. Crocifisso) sulle sue case “a corte” e con i suoi palazzi ottocenteschi. A Galatone è stata viva la lingua greca fin oltre la fine del XV secolo[5], come anche la religione greca ortodossa, rispettivamente il Rito bizantino.

In passato è stato uno dei centri agricoli più importanti della provincia di Lecce: il territorio è ricco di uliveti, vigneti, mandorleti e alberi di fico. Fino al primo dopoguerra, Galàtone era uno snodo di scambi commerciali tra agricoltori e grossisti che acquistavano e rivendevano i prodotti locali nel nord della Puglia. Commercianti e contadini si davano appuntamento al limite della città, a un crocevia che segnava il confine tra la città e la campagna e qui si svolgevano le trattative. Tra i prodotti più apprezzati c’era l’albicocca di Galatone, una rara e preziosa cultivar galatea che proprio a ragione della sua unicità è stata inserita tra i Presidi Slow Food.

Il territorio comunale, che si estende nella parte centro-occidentale della penisola salentina per 46,54 km², è situato a 57 m s.l.m. e si affaccia lungo il litorale ionico con le località di Montagna Spaccata e La Reggia.

Distante 24 km da Lecce e 13 km da Gallipoli, il centro urbano è situato lungo la Strada statale 101 Salentina di Gallipoli che collega il capoluogo di provincia con la cittadina ionica. comune comprende i feudi di antichi casali medievali, ora abbandonati, di TabelleTabelluccioFulcignanoSan CosmaFumonegro Morice e Renda ed è attraversato a nord dal torrente Asso, un antico corso fluviale che convogliava le acque provenienti da Cutrofiano e Neviano, a sud, per condurle, a nord, in territorio di Nardò.

Confina a nord con i comuni di Nardò e Galatina, a est con i comuni di Seclì e Neviano, a sud con il comuni di Gallipoli e Sannicola e a ovest con il mar Ionio.

Galleria

Pin It on Pinterest

Share This