Il GAL Terra d’Arneo non parteciperà all’XI edizione de “L’Italie à Table” a Nizza

Partecipazione all’XI edizione de “L’Italie à Table” a Nizza: il GAL Terra d’Arneo afferma con convinzione di non voler partecipare alla manifestazione a seguito della decisione della Francia di vietare le importazioni di numerosi prodotti vegetali dalla Puglia, ritenuti a rischio Xylella.

Il GAL Terra d’Arneo nell’ambito del progetto di cooperazione “Penisole d’Italia”, congiuntamente ai GAL Pugliesi Capo S. Maria di Leuca e Serre Salentine ed ai GAL Lucani, Bradanica, Cosvel e Le Macine partner del progetto, aveva deliberato la volontà di partecipare all’XI edizione de “L’Italie à Table” che si svolgerà a Nizza dal 28 al 31 maggio 2015, con lo scopo di promuovere e commercializzare i prodotti agroalimentari di Puglia e Basilicata.

Alla luce della sopravvenuta situazione dell’embargo che il Governo francese ha posto in essere relativamente a 102 specie vegetali provenienti dalla Puglia, considerate a rischio Xylella, il GAL Terra d’Arneo ha proposto un tavolo di discussione, con i GAL partner del progetto “Penisole d’Italia” al fine di esprimere con convinzione l’opportunità di non partecipare all’evento di Nizza.

A tal proposito, il Presidente Durante ha dichiarato: “Consideriamo la scelta della Francia totalmente inopportuna ed illogica. Il fatto è grave e rappresenta una minaccia reale per l’economia dell’agricoltura Pugliese e per l’immagine dell’Italia. Siamo di fronte ad un caso che l’Europa deve trattare in maniera coordinata e pertanto nel nostro piccolo proponiamo di non essere presenti alla manifestazione che si terrà in Francia, alla quale avevamo aderito per promuovere i prodotti agroalimentari di Puglia e Basilicata, essendone venute a mancare le condizioni.”

Condividi su:
0 Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *