Il GAL Terra d’Arneo riapre i bandi sulla pesca: arriva all’80% l’intensità dell’aiuto pubblico per la pesca costiera artigianale

Il GAL Terra d’Arneo riapre i bandi sulla pesca:

arriva all’80% l’intensità dell’aiuto pubblico per la pesca costiera artigianale

Le domande devono essere presentate entro il 4 novembre 2019


Pubblicati nei giorni scorsi due Avvisi pubblici riguardanti la pesca, la tutela e la valorizzazione del mare nel segno di una rinnovata competitività delle aree costiere nel comprensorio del GAL Terra d’Arneo, con grande attenzione alla sostenibilità. sono oltre un milione di euro i contributi a valere sul FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) che il GAL investirà all’interno del suo comprensorio che, per il settore ittico, interessa i Comuni di Galatone, Gallipoli, Nardò e Porto Cesareo con l’obiettivo di stimolare Amministrazioni Comunali ed imprenditori ittici ad elaborare progetti di gestione ed imprenditoriali improntati sulla qualità. Una parte dei fondi comunitari è destinata agli enti locali che, con l’intervento 1.5 “Sostenibilità dalla terra al mare”, avranno la possibilità di riqualificare il territorio ed attivare i servizi necessari ad accrescere la competitività del settore pesca.

Protagonisti restano gli imprenditori itticiorganizzati in micro, piccole e medie imprese o cooperative di pesca, ai quali è riservato l’accesso all’intervento 3.3 “Nuove rotte”finalizzato a sostenere la diversificazione dell’attività di pesca professionale ed aumentare la redditività e la sostenibilità delle proprie imprese. La novità più interessante riguarda proprio questo target che, nel caso di imprenditori ittici operatori di pesca costiera artigianale, potrà beneficiare di un’intensità di aiuto pari all’80%delle spese ammissibili, con un massimale di contributo pubblico per singolo intervento fissato ad euro 75.000 (con un investimento totale per singolo intervento di euro 93.750 di cui solo il 20% in quota privata). Resta fermo al 50% il contributo pubblico per gli altri imprenditori itticiche, a fronte di una spesa totale di massimo 150.000 euro per singolo intervento, potranno richiedere un contributo pubblico a copertura della metà delle spese ammissibili sostenute. Il termine d’invio delle domande di sostegno è fissato al 4 novembre 2019.

Il bando integrale, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 101 del 05-09-2019, con relativa documentazione per presentare la candidatura, è consultabile sul sito web del GAL nella sezione Bandi e Avvisi (al seguente LINK). È inoltre attivo presso la sede del GAL Terra d’Arneo, in via Mameli 9 a Veglie (Le), lo sportello informativo dove, previo appuntamento, è possibile approfondire le opportunità di finanziamento a disposizione degli imprenditori e delle cooperative di pesca.

Continuiamo con grande interesse l’esperienza del plurifondo, con la quale la Regione Puglia investe di nuove responsabilità i GAL pugliesi, stimolandoci ad obiettivi sempre più ambizioni e necessari per la crescita dei nostri territori– afferma Cosimo Durante, Presidente del GAL. Auspichiamo pertanto, come è già successo per il comparto rurale, l’avvio di processi di accorciamento delle filiere, tracciabilità e qualità dei prodotti locali oltre che attività di promozione delle tipicità e salvaguardia del mare. Resta fermo il nostro impegno– continua Durante, ad integrare l’offerta dell’entroterra con quella costiera lavorando in stretta connessione con Amministrazioni ed imprenditori ed attivando con azioni di sistema coordinate dallo stesso GAL”.

 

VIDEO:

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *