Il Presidente Cosimo Durante nominato Accademico aggregato dei Georgofili

La consegna del diploma avverrà il prossimo 5 Aprile a Firenze, nel corso della cerimonia inaugurale del 266° Anno Accademico, presso Palazzo Vecchio dove l’Accademia fu fondata nel 1753

Un prestigioso riconoscimento è giunto per il Presidente del GAL Terra d’Arneo, Cosimo Durante, dall’Accademia dei Georgofili che lo ha voluto tra i suoi componenti su proposta della Sezione “Sud-Est”. Alla proposta, approvata dall’Assemblea nella seduta dello scorso dicembre, seguirà la consegna ufficiale del diploma prevista per il prossimo 5 Aprile a Firenze in occasione della Cerimonia di inaugurazione del 266° Anno Accademico, alla presenza del Prof. Stefano Mancuso, Professore ordinario nella Università degli studi di Firenze e Direttore dell’International Laboratory for Plant Neurobiology – LINV.

 

Storica istituzione nata nel 1753 a Firenze, l’Accademia dei Georgofili è la più antica istituzione al mondo ad occuparsi di agricoltura, ambiente e alimenti. Promuove il progresso delle conoscenze, lo sviluppo delle attività tecnico-economiche e la crescita sociale. Conduce studi e ricerche, adottando le più moderne metodologie per mettere in campo concrete iniziative. I risultati vengono esposti e discussi pubblicamente in apposite Adunanze pubbliche, poi riportate nell’annuale volume degli Atti e su altri prodotti editoriali. Per affrontare lo studio di ogni singola problematica, l’Accademia liberamente si avvale della collaborazione dei più qualificati studiosi e tecnici, ovunque siano, anche se afferenti a diversi enti pubblici e privati.

 

Una nomina che mi lusinga e che vivo come riconoscimento non personale bensì come una nuova occasione di crescita per il nostro territorio” – commenta Cosimo Durante, da sempre in prima linea nel dibattito che riguarda le politiche di sviluppo locale, la cooperazione tra territori e la competitività delle aree rurali. Materie che sono di fondamentale importanza nell’agenda politica del nostro Paese e dell’Unione Europea e che certamente non mancheranno di accrescere l’attenzione per il Salento tutto.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *