et|icon_info|

Gruppo d’Azione Locale Terra d’Arneo

Francesco Carofiglio a Veglie per presentare il suo nuovo libro, ospite del Presidio del Libro e del GAL Terra d’Arneo

Francesco Carofiglio a Veglie per presentare il suo nuovo libro, ospite del Presidio del Libro e del GAL Terra d’Arneo

far|fa-calendar-alt|

Data e ora inizio

9 Novembre 2017, 19:00
far|fa-calendar-alt|

Data e ora fine

9 Novembre 2017, 20:30
fas|fa-map-marker-alt|

nel comune di

Veglie
fas|fa-map-marked-alt|

indirizzo

GAL Terra d'Arneo, Via Goffredo Mameli, Veglie, LE, Italia
Lo scrittore Francesco Carofiglio sarà a Veglie, giovedì 9 novembre 2017 alle 19:00 presso la sede del Gal Terra d’Arneo, per presentare il suo nuovo romanzo, Il Maestro, edito da Piemme.

 

«Il mio ultimo romanzo – ha affermato l’autore in una recente intervista alla rivista “Il libraio” –  parla delle cose perdute e delle possibilità inaspettate. È la storia di un vecchio attore che ha lasciato le scene, il più grande attore del Novecento. E di una ragazza».

 

Il nuovo romanzo dell’architetto, illustratore e scrittore barese recupera la grande passione di Carofiglio per il teatro: «Quando sono andato a Firenze per l’università – continua nell’intervista – ho vissuto a casa degli zii per un paio d’anni, la casa puzzava di fumo e profumava di dopobarba, era grande, con un terrazzo da cui si vedeva tutta la città. La cupola di Brunelleschi galleggiava nella sua luce, nelle sere d’inverno. Ho cominciato a studiare seriamente teatro, e dopo un paio d’anni Albertazzi mi scelse per il ruolo di Innocenzo III, il papa giovane, in uno spettacolo su Federico II di Svevia. Mi ricordo tutto di allora. Essere lì, d’estate, dinanzi a una piazza gremita e dover tirare fuori la voce, la paura che si mutava in coraggio. E quella ragazza di cui mi innamorai, che baciavo clandestinamente tra le quinte, perché nessuno doveva sapere. E dietro le quinte spiavo Albertazzi, in scena si muoveva felpato, obliquo, come un gatto. Lui diceva che non voleva essere il maestro di nessuno. E forse aveva ragione. Io lo chiamavo Albertazzi e gli davo del lei, lui sorrideva e mi diceva “Franceschino, dammi pure del tu, come tutti gli altri”. Non sono stato mai capace».

 

L’autore è impegnato in un intenso tour di presentazioni che l’hanno portato in giro, negli ultimi due mesi, in tutta Italia. Adesso approda anche in provincia di Lecce, ospite dell’associazione dei Presidi del Libro. L’appuntamento è presso l’ex Mercato Coperto in via Mameli in collaborazione con lo stesso Gal.

 

Ingresso libero.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pin It on Pinterest

Share This