full
color
#666666
http://www.terradarneo.it/wp-content/themes/smartbox-installable/
http://www.terradarneo.it/
#709c3e
style4
Gruppo d’Azione Locale Terra d’Arneo

Copertino

Copertino è la città di Giuseppe Maria Desa, più conosciuto come S. Giuseppe da Copertino, il “Santo dei voli” per le sue continue estasi seguite da vere e proprie “lievitazioni”. Fu consacrato al sacerdozio nel 1628 dopo un lungo periodo di studio intenso e faticoso, per cui oggi è venerato come protettore degli studenti. Canonizzato nel 1767, divenne principale patrono civico quasi un secolo dopo, nel 1858; dovette affrontare anche il Santo Uffizio per l’accusa di “abuso della credulità popolare”, da cui fu poi assolto. Ripercorrendo la sua vita, è possibile anche indicare gli edifici più rappresentativi dell’antica area urbana: nella stalla in cui era nato nel 1603, per esempio, ora sorge il Santuario settecentesco a Lui intitolato, molto vicino alla casa paterna; fu battezzato nella chiesa matrice di S. Maria ad Nives, fondazione medievale ampiamente rimaneggiata tra Cinquecento e Settecento. L’altro edificio legato al suo nome è il Convento dei Frati Minori di S. Maria della Grottella, in contrada Cigliano, ad est del centro abitato. La tradizione racconta di un misterioso ritrovamentoin una grotta di un’effigie della Vergine con Bambino, incastonata attualmente nell’altare maggiore della chiesa, che determinò la costruzione dell’edificio. Nel convento, San Giuseppe dimorò e studiò prima di essere consacrato al sacerdozio; la cella del Santo e quella del Sangue rappresentano concretamente il suo percorso: la prima, più piccola, è più vicina all’altare maggiore e all’immagine di Maria, per la quale nutriva un amore smisurato. L’altra, era il luogo della sofferenza e della penitenza, per le quali il Santo utilizzava anche strumenti di flagellazione. I festeggiamenti in Suo onore si celebrano dal 16 al 19 settembre e prevedono anche il “Meeting dei Giovani”, in cui gli studenti si affidano al Santo per il nuovo anno scolastico. Diverse furono le fondazioni conventuali sorte tra le aree urbane e rurali; fra queste è da annoverare il complesso monumentale di Santa Maria di Casole (inizi del XVI secolo), già insediamento medievale di monaci italo-greci. Localizzato sulla provinciale Copertino-Nardò, nell’antico villaggio rurale di Casole, secondo la tradizione, questo luogo fu legato alla presenza di San Pietro che, di passaggio nelle regioni meridionali, avrebbe fatto dipingere l’immagine di Maria. Del convento resta ben poco ma la chiesa, in cui si intrecciano tardoromanico e gotico, sembra resistere fiera e solenne al trascorrere del tempo. Fra le strutture di diversa tipologia, notevole è il cinquecentesco Castello, realizzato su una fondazione angioina dall’architetto militare Evangelista Menga. E’ uno degli esempi più significativi ed importanti del Salento. L’aspetto militare si stempera nel portale di accesso del prospetto principale, impreziosito da una ricca ed elegante decorazione, molto simile ad un arco di trionfo. La pianta quadrangolare è sottolineata agli angoli da quattro baluardi a lancia e dal fossato perimetrale. All’interno, il castello ospita due cappelle: quella di San Marco, in cui operò il pittore locale Gianserio Strafella, e quella della Maddalena, venuta alla luce durante i restauri degli ultimi decenni del secolo scorso, con affreschi collocabili agli inizi del Quattrocento. Quest’ultima cappella rappresenta un tassello significativo nel panorama della pittura di quel periodo in Terra d’Otranto; rapportato ad altri esiti contemporanei, secondo Ortese, indica la formazione di un linguaggio artistico salentino, in grado di rielaborare in piena autonomia le sollecitazioni esterne.

Dove si trova

  • Regione: Puglia
  • Provincia: Lecce
  • Zona: Italia Meridionale
  • Popolazione Residente
    24.527 (M 11.859, F 12.668)
  • Densità per Kmq: 424,6
  • Superficie: 57,76 Kmq

Codici

  • CAP: 73043
  • Prefisso Telefonico: 0832
  • Codice Istat: 075022
  • Codice Catastale: C978

Informazioni

  • Denominazione Abitanti: copertinesi
  • Santo Patrono: San Giuseppe da Copertino
  • Festa Patronale: 18 settembre

Gallery

Condividi su:
default
Loading posts...
link_magnifier
#3b3b3b
off
fadeInDown
loading
#3b3b3b
off